Latte di soia autoprodotto

In commercio si trovano moltissimi latti vegetali anche molto buoni.... io però preferisco farmeli da me.
Tra tutti uso più spesso sono quello di soia (mi piace un sacco la maionese di soia) e quello di mandorla che faccio sia a freddo che a caldo.
E' importante ricominciare a prendere coscienza di ciò che mangiamo, soprattutto oggi, visto l'abbondanza di cibi spazzatura che ci vengono spacciati per sani.
In questo caso accenno alle proprietà della soia sono veramente tante anche se, oggi, per via dell'altissima produzione richiesta dagli allevatori intensivi di animali, il problema più grande è che il 90% della soia è OGM. In Italia è proibito coltivare soia OGM , quindi, consiglio di scegliere soia italiana biologica.
I semi di soia contengono circa il 40% di proteine e il 20 % di grassi insaturi che prevengono numerose malattie.
La presenza di un'alta percentuale di proteine è importante per chi segue un'alimentazione senza proteine di origine animale.
Inoltre è ricca di minerali come il calcio, il fosforo, il potassio, il magnesio e il ferro. Presenti anche vitamine A, B1, B2, B3, B5, B6 e vitamina C.
Regolarizza la glicemia e il tasso di colesterolo nel sangue e sembra che prevenga l'osteoporosi.
Cercando sul web si trovano numerose ricette su come fare il latte di soia, molte delle quali forse, non sono state mai nemmeno testate. Prima di trovare la mia ricetta, ne ho provate alcune tra cui anche a crudo. A parte il sapore orrendo della soia cruda c'è da dire che se ne consiglia la cottura ad almeno 85 °C per neutralizzare una sostanza proteica che inibisce l'assorbimento di importanti aminoacidi.
Ieri come avevo accennato sulla mia pagina facebook avevo messo a bagno una doppia dose di semi per fare, oltre il latte , anche il tofu ed al contempo ho fatto anche un ottimo patè con pomodori secchi..... una vera goduria ed ho conservato l'okara ( la polpa che rimane) per fare i miei mini burger ( già postati) . Quindi partendo da soli 200 gr. di semi ho fatto circa 1 litro di latte e 250 gr. di tofu che in parte ho conservato ed in parte ho utilizzato per fare del patè e tantissimi mini burger di okara! Insomma basta un pò di buona volontà e la nostra cucina può diventare sana e non troppo costosa!
Intanto oggi vi dico come fare il latte di soia .... nei prossimi giorni vi diro come fare il tofu ed il patè.

In questo caso vi voglio mostrare come fare un buon latte di soia anche perchè ce ne sono diverse versioni online alcune delle quali a crudo che non gradisco molto. il sapore della soia cruda è orrendo!
In questo caso sarà necessario mettere a bagno i semi di soia, 100 gr. per circa 1,300 ml di latte, per almeno 12 ore in acqua, meglio 24 ore cambiando l'acqua a 12 ore circa.

1. Prendete 100 gr. di semi di soia gialla
2. Metteli a bagno per 24 ore in abbondante acqua che dovete cambiare a 12 ore
3. dopo 24 sciacquate in abbondante acqua
4. particolare
5. Frullate i semi con 250 gr di acqua minerale naturale
6.Aggiungete la rimanente acqua, cuocete e dopo filtrate il liquido con un telo a maglie non troppo fitte (tipo garza)... attenzione a non scottarvi!

Latte di soia autoprodotto

latte di soia autoprodotto
Dosi per 8
Recensioni
Stampa
Tempi di preparazione
5 min
Cottura
40 min
Tempo totale
45 min
Tempi di preparazione
5 min
Cottura
40 min
Tempo totale
45 min
Ingredienti
  1. 100 g. di semi / fagioli di soia gialli
  2. 1,5 l di acqua minerale naturale
  3. 1 pizzico si sale integrale
facoltativo
  1. semi di vaniglia o altro aroma naturale
Preparazione
  1. Mettete i semi di soia a bagno in abbondante acqua per 12/ 24 ore. Meglio 24 ore ma dovrete cambiare l'acqua dopo 12 ore;
  2. Dopo il periodo di ammollo sciacquate in acqua abbondante i semi;
  3. Metteteli in un mixer potente ( per chi ha il bimby 1 minuto a vel. 10) e frullate per circa 1 minuto o fino a che la soia non si è ridotta in una poltiglia fine.
  4. Aggiungete la rimanente acqua (1.250 l.) e se dovete usarlo solo come bevanda aromatizzatelo
  5. Cuocete per circa 40 minuti mescolando in maniera che non si attacchi al fondo.
  6. Filtrate con un colino su cui avrete posizionato una stoffa tipo garza ( io utilizzo i quadrotti che si usano per i bambini appena nati) e conservate la polpa (okara) per altre preparazioni
  7. Il latte è pronto adesso potrete imbottigliarlo e conservarlo o utilizzarlo per le altre preparazioni.
Note
  1. Il latte di soia si conserva per tre o quattro giorni in frigorifero. La polpa rimasta si può usare per altre preparazioni, biscotti e mini burger di okara di soia di cui ho già postato la ricetta.
L'Erba di Elisa http://www.erbadielisa.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *